34 anni con noi: GRAZIE GOSPA

“Donna, ecco tuo figlio”. Il Signore Gesù, mentre offre tutto se stesso sulla Croce,  ci “consegna”  la sua santissima Madre. Ancora meglio: ci affida a Lei. E noi diventiamo suoi figli. Oltre che figli di Dio -e lo siamo realmente- ci sentiamo teneramente amati da Maria. E lei ci ha detto che se noi sapessimo realmente  quanto ci ama non potremmo far altro che piangere di gioia. Che meraviglia. Dalla Redenzione, quindi, la Vergine Santa è con noi. Sebbene Assunta in cielo in anima e corpo -è di fede- la Madonna è comunque “con noi” in obbedienza a quella richiesta di suo Figlio. E da duemila anni Ella non ha fatto mancare la sua materna premura.

I tempi si son fatti sempre più duri: nel 1972 il Sommo Pontefice Paolo VI ebbe a dire che “il fumo di satana era entrato nel tempio di Dio” e che attraverso qualche fessura aveva fatto penetrare il suo fetido eppure seducente frutto avvelenato. Stolti uomini -anche ecclesiastici- hanno ripetuto l’errore dei progenitori perpetrando nuovamente il grave peccato della disubbidienza. Ancora più grave se compiuto da persone da Lui scelte.

La Vergine, con premura se possibile ancora maggiore, è intervenuta: il Concilio Vaticano II l’ha proclamata Madre della Chiesa e Lei, debellatrice di tutte le eresie, ha “visto” nitido l’attacco che il cornuto sta sferrando alla Chiesa -dall’interno come profeticamente aveva detto il Beato Montini- ed eccola apparire nuovamente sopra una collina sassosa, nella Jugoslavia comunista.“Guarda, la Madonna!” dice la sedicenne Ivanka alla sua amica con la quale passeggia in un assolato pomeriggio. E l’amica, senza neppure guardare, le risponde che figuriamoci se la Madonna sta pensando a noi e continua a parlare come se niente fosse. Ed Ivanka che la Madonna l’ha vista davvero ed anzi: è lì, sul Podbrdo, insiste. Poi l’amica bionda -si chiama Mirijana – se ne avvede. E’ davvero la Gospa. E da lì cambia il mondo. Sono iniziate le più importanti apparizioni mariane della storia della Chiesa.

TOTA PULCRA

Il bene vincerà. Anzi, ha già vinto. Ma nella logica del  già e non ancora il Signore Risorto ha vinto il peccato e la morte eppure persiste il mistero della iniquità. Il male. Ma, ce lo ripete ancora la Scrittura, rallegriamoci perchè il Signore è Risorto. E vana è la tentazione se noi siamo con Lui e in Lui.

Potrà il cornuto, in combutta con la massoneria o con chi diavolo vuole -tanto son tutti dei perdenti, perdenti disperati perchè consapevoli che Cristo ha già vinto- penetrare nella Chiesa e devastare dall’interno l’Ovile Santo. Potrà prendere in mano episcopati, nunziature, congregazioni. Potrà persino il cornuto riuscire a far dire “la Madre di Dio non appare” o come già ha detto un vescovo esorcista che lassù a Medjugorje altro che la Madonna,  è il diavolo che appare,  e  i messaggi se li inventano i frati et cetera. Già Milingo, per insondabile divina permissione, ha mostrato al mondo in quali abissi può piombare un esorcista inesperto ed imprudente.

Ma alla fine il mio Cuore Immacolato trionferà, ha detto la Vergine. Ed allora strepitino pure quanto vogliano. Viviamo persino lo sberleffo satanico di ricevere, in nauseabonda coincidenza, il divieto e la festa. Tanto anche se han preso in mano saldamente giornali e tv l’Immacolata vincerà. Quella Madre tanto cara, quella Madonna così odiata dal mondo protestante, quel porto sicuro nel comune naufragio sarà la nostra gioia. La Barca, come già don Bosco vide , si ancorerà saldamente alle due colonne. E vano sarà lo strepitio: potranno pure , loro, i massoni, prendersi l’Osservatore Romano e titolare la prima pagina che Lutero aveva ragione. E non ci meravigliamo, sarebbe solo un dejà vu: già entrarono in Roma con in una carriola piena di  bibbie protestanti ed un cagnetto appellato  Pio XI per umiliare e svillaneggiare il Vicario di Cristo. Il bene vincerà. Anzi: ha già vinto. Grazie Regina della Pace per il tuo essere con noi, qui, da trentaquattro anni. Resta qui con noi quanto vuoi. Eccoci Madre, siamo tuoi. Tutti tuoi. Guidaci tu.

34 anni con noi: GRAZIE GOSPAultima modifica: 2015-06-25T02:04:10+00:00da dematteiscosimo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in APPARIZIONI, MEDJUGORJE e dintorni, ZOLFO e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento